Parola del giorno: Malinconia.

Victor Hugo scrisse che la malinconia è “la gioia di sentirsi tristi”. Come non essere d’accordo?

La vita è fatta di alti e bassi, e questo lo sa ognuno di noi: momenti belli, momenti felici che si alternano a quelli più difficili, quelli che capitano solo per metterci alla prova, quei periodi che non vedi l’ora che finiscano, perché ti stanno consumando le energie, ti senti affaticato, il cuore lo senti gemere e le lacrime sono così facili.

Siamo portati ad ignorare la felicità, mentre invece ne sentiamo la mancanza quando le cose non vanno come vorremmo. Il fatto è che tutto accade per un motivo, tutto ciò che succede nella nostra vita ha un senso: tutte le nostre esperienze e le persone che incontriamo, sono tutti dei piccoli suggerimenti che la vita ci da per guidarci alla nostra meta. Sta a noi coglierli, metterli insieme, e trovare il reale messaggio, la nostra destinazione, il nostro posto giusto nel mondo,  quello che è fatto apposta per noi, e solo per noi.

La felicità è così bella, la serenità è così pacifica. Ma la tristezza aiuta, e la malinconia ci guida. Ci vuole dire di fermarci un attimo, di riflettere su ciò che è accaduto, su ciò che ci ha fatto stare così giù di morale.

Confesso, a me la malinconia alle volte piace. Mi da un senso di cambiamento, mi sembra il segnale di un’imminente transizione da uno stadio all’altro della mia vita, dei miei pensieri, della mia crescita.

Piango, il mascara mi arriva sulle guance bagnate, i miei occhi sono lucidi e cominciano a gonfiarsi, si arrossiscono. La mia espressione diventa così triste che anche lo specchio in cui mi sto guardando, se potesse, mi porrebbe una mano e mi accarezzerebbe per darmi un po’ di conforto.

La tristezza mi ha rapita, la malinconia mi sta accompagnando. Rifletto, penso, e l’unica cosa che voglio è piangere fino a che non ce la faccio più, fino a che il mio corpo non ha più lacrime da darmi. E allora cosa faccio? Decido di abbandonarmi  a questo sentimento, di farmi abbracciare e cullare da questa dolce tristezza quale è la malinconia, chiudo gli occhi e mi riposo. Scelgo di godermi la sua compagnia, di tenerla con me per un po’ e imprimerla nella memoria. Una volta che l’ho abbracciata, decido di salutarla e liberarmene. Un respiro profondo, apro gli occhi, mi asciugo le lacrime e sorrido allo specchio.

Ora posso di nuovo rialzarmi, adesso so quello che devo fare. Mettermi in gioco e credere in me stessa. Mi sento più forte, sono consapevole delle mie potenzialità. Sorrido perché so che posso farcela. I momenti bui sono fatti solo per far sì che possiamo capire quali sono gli obiettivi che vogliamo raggiungere, per comprendere a pieno ciò che fa per noi.

Perciò, seguite il mio consiglio: quando vi sentiti tristi, malinconici, non buttatevi giù di morale. Accogliete quest’emozione così potente, ascoltate un cd triste, piangete fino a che non avete finito i fazzoletti. Poi però, abbracciate la malinconia, salutatela e liberatevene. Vi sentirete più forti che mai, più forti di prima.

Annunci

6 thoughts on “Parola del giorno: Malinconia.

  1. Non so, mi pare che la vita si incarichi ogni giorno di non farci mancare qualcosa per cui rattristarci, così, non si può saltare il pianto e la musica triste e passare direttamente a liberarci della malinconia?
    Davvero gradevole il tuo blog! 🙂
    A presto

  2. Ciao, bello il tuo blog e i tuoi post. Mi hai scritto che ti ritrovi in quello che scrivo e, leggendo quello che scrivi tu, lo capisco. Anche io mi ritrovo molto in quello che scrivi. Ti verrò a trovare spesso. A presto 🙂 ciao

    P.S. Ti avevo scritto una cosa del genere in risposta al tuo commento nel post “stracciatella”, ma forse il mio messaggio non ti è arrivato, così ho pensato di replicarlo qui per sicurezza. Ciao 🙂

  3. ah! se imparassi a ragionare così anche io…. di pianti disperati ne faccio tanti… ho notato anche io che quando piango tanto, il peso che ho dentro si alleggerisce… ma non riesco a vedere quei momenti in senso positivo….

    mi piace come scrivi… sottoscrivo! 🙂

  4. Effettivamente quando la tristezza ti pervade credo sia difficile cogliere questo tipo di cose. Servirebbe rimanere un pochino lucidi in queste situazioni affinché sia possibile liberarci dai brutti pensieri.

    Ti ringrazio 😉

Ci tengo a sapere la tua opinione: lascia un commento qui sotto!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...